Il Progetto di costituzione di un Patto Federativo democratico cristiano e popolare

I sottoscritti

consapevoli della particolare situazione politica che attraversa il paese dopo la costituzione di un governo di emergenza tra due gruppi politici non omogenei il PD e cinque stelle e della esigenza di superare il “nazionalismo” e l’antieuropeismo che si erano affermati dopo le elezioni del 2018;

consapevoli che la scomposizione dell’ attuale assetto politico possa portare alla costituzione di nuovi soggetti politici capaci di superare le incertezze e le patologie che abbiamo patito in questi anni;

consapevoli che la novità in Italia e in altri paesi europei vi è la presenza di una destra eversiva e xenofoba che si è sviluppata per la crisi del centro e della sinistra;

consapevoli che per queste ragioni è urgente superare le attuali formazioni politiche che si richiamano alle posizioni di centro politico per una nuova aggregazione e quindi un nuovo soggetto politico

RITENGONO

che nel ricordo di un monito a tutti noto di Alcide De Gasperi “ solo se saremo uniti saremo forti, solo se saremo forti saremo liberi“, si debba con urgenza costruire un nuovo centro politico cristiano democratico, popolare, liberale e riformista, come il naturale argine alle posizioni radicaleggianti di sinistra e alle posizioni sovraniste e populiste, per affermare i valori democratici e liberali;

invitano tutti coloro che si riconoscono in questi principi e in questi valori ad aderire al costituendo “Polo di Centro” per dar vita con urgenza ad un patto federativo e per seguire una comune linea politica che sarà indicata dagli organi della federazione;

propongono che le associazioni e i partiti politici, che aderiscono alla federazione, possano conservare per intanto la loro attuale individualità giuridica e politica, restando vincolati dal comune impegno a rispettare le norme contenute nel patto federativo e da quelle che saranno approvate dai costituenti organi della Federazione;

propongono che le singole associazioni e singoli partiti politici siano rappresentati, all’interno della federazione, dai propri segretari politici e responsabili delle associazioni, o loro delegati, capaci di esprimere, in seno all’organismo comune, la volontà del proprio gruppo;

propongono in occasione della prima riunione del consiglio della federazione, che i singoli aderenti esprimano la loro proposta per la formazione di un simbolo unitario da adottare a maggioranza qualificata e da presentare alle prossime elezioni comunali regionali e nazionali nel quale tutti si possano riconoscere;

auspicano che venga approvata una legge elettorale proporzionale unica legge democratica, che chiuderebbe la lunga fase di transizione che ebbe inizio negli anni 90 con la legge cosiddetta “mattarellum”, e che oggi impone di ridare identità ai gruppi politici e protagonismo all’elettore.

 

Letto, condiviso e sottoscritto

 

Giuseppe Gargani (DC)

Renato Grassi (DC)

Mario Tassone (NCDU)

Lorenzo Cesa (UDC)

Gianfranco Rotondi (FI)

Giuseppe Rotunno (Civiltà dell’amore)

Ettore Bonalberti ALEF ( Associazione Liberi e Forti)

Antonino Giannone (Circoli Insieme)

Publio Fiori ( Rinascita Popolare)

Rilancio della Democrazia Cristiana

29 settembre 2019

Congresso Provinciale a Bergamo

20 luglio 2019

Risposta del Presidente Gubert alle dichiarazioni di Buttiglione e Rotondi

22 giugno 2019

Il messaggio del Segretario politico al Consiglio Nazionale

14 giugno 2019

Incontro pubblico a Cavedine

23 maggio 2019

Prospettive dopo le elezioni europee Vademecum per il 27 maggio

Video di presentazione – 15 novembre 2018 – sen. Renzo Gubert

Sito nazionale della DC

T E S S E R A M E N T O   2018 2019

Circolare        Regolamento          Codice etico 

Adesione nuovi soci    Informativa Privacy

Conferenza di presentazione –  Rovereto 1 febbraio 2019

Presentazione del Patto Federativo – Programmatico P P E